Table './app_webeuroholding/users_hash' is marked as crashed and should be repairedTable './app_webeuroholding/users_hash' is marked as crashed and should be repaired Una nuova boccata del aria - GLI ECOMATERIALI
Search:
Istoric News Furnizori Jobs Contact
română italiano english
Euroholding Euroconstruct Europrefabricate - prefabricate din beton IMP TRAVEL Europroducts Monlandys IMP Romania Netex
 
EUROHOLDING
 
» Despre noi
» Dosar de presă
» Contact

» Istoric
» News
» Furnizori
» Jobs
» Links


Achizitii proiecte





Complex rezidential Timisoara - Villaggio Mediterraneo
 

Dosar de presa

Ian Feb Mar Apr Mai Iun Iul Aug Sep Oct Noi Dec
2011
2010
2009
2008
2007
2006


Una nuova boccata del aria - GLI ECOMATERIALI
Constructiv, 2010-11-01

Domanda per ancora 10-15 anni
Le societa’ prendono in considerazione sia l’importazione che la produzione di questi materiali.
Andreea Ceasar
“Nel 2011 puntiamo anche sulla tecnologia verde, ovvero i pannelli solari e quelli fotovoltaici, componenti necessari per le soluzioni di chiusura a grande efficienza energetica, un mercato in crescita anche nella Romania”, dice Attile Beer, direttore di operazioni per la Romania dell’azienda fornitrice di facciate Alukonigstahl. Infatti, il trend dell’efficienza energetica, delle costruzioni sostenibili e dei materiali ecologici di costruzione e’ diventata una nuova boccata d’aria nell’economia mondiale.
I produttori, distributori, costruttori, architetti – tutti hanno visto questa boccata d’aria, che e’ capace di nutrire migliaia di aziende per ancora 10 – 15 anni, secondo Erich Gluch, il rappresentante dell’Istituto per la Ricerca Economica di Munchen. Si poteva notare il grande interesse anche nella conferenza “Gli eco materiali di costruzioni – un’opportunità per lo sviluppo sostenibile della Romania” organizzata dall’Associazione dei Produttori di Materiali di Costruzione della Romania, alla quale hanno partecipato produttori ed anche importatori di materiali ecologici, nonché i loro possibili clienti.
Inoltre, gli sviluppatori hanno cominciato a prendere in considerazione questo trend e secondo il Consiglio Romeno per Edifici Verdi (RoGBC), se due anni fa soltanto quattro, cinque erano gli sviluppatori a pensare alle costruzioni sostenibili, quest’anno ci sono state discussioni con oltre 50 investitori interessati, la maggioranza volendo certificazioni per i loro edifici. Per questi, i materiali eco rappresentano un fattore decisivo.
Il concetto “green” si diffonde velocemente
In presente si sta effettuando un’analisi relativa agli eco materiali (materiali di costruzione che sono prodotti al livello locale, che durante il processo di produzione ed utilizzo non hanno un impatto negativo sull’ambiente e che sono materiali che provengono da risorse sostenibili) della Romania, però non esiste una statistica ben curata, che presenti tutti i produttori di materiali eco prodotti sul territorio della Romania. “Possiamo affermare che ogni giorno entriamo in contatto con aziende che vogliono adottare il concetto “green” per i loro prodotti”.
Qua possiamo includere le aziende produttrici di strutture, porte, finestre, isolanti di cellulosa o plastica riciclata. L’interesse per i materiali “tradizionali” di costruzione e’ in grande aumento grazie ad organizzazioni, come ad esempio l’Arhiterra, che sostiene l’uso di materiali locali per la creazione di abitazioni uniche e confortevoli”, ha detto Steven Borncamp, leader e fondatore della RoBGC, “Di grande interesse e’ il fatto che INCERC vuole certificare “il chirpici” come materiale di costruzione, in modo da aprire nuove possibilità per la scoperta di architetture vernacolari e allo stesso tempo promuovendo la

sostenibilità”, ha dichiarato Bogdan Draganescu, Managing Director della Smart&Pepper Consulting. I più comuni materiali ecologici che vengono commercializzati nella Romania sono le strutture in legno trattate con oli naturali, i sistemi di termo isolamento di canapa, lana, pannelli tipo “sandwich” e le finiture in materiali naturali come il legno, la pietra, la ceramica. Tra questi, una grande parte sono importati e secondo Steven Borncamp, il numero delle aziende che considerano l’espansione del portfolio, i prodotti ecologici e’ in aumento: “Le aziende stanno ripensando la strategia includendo adesso nella loro offerta anche prodotti ecologici (molto comune per i produttori di vernici). La fiducia nel mercato per questo tipo di materiale e’ aumentata rispetto a due anni fa, quando molte aziende dicevano che in Romania non c’era mercato.
Adesso, la domanda degli architetti, ingegneri, project managers per soluzioni ecologiche li hanno presso per sorpresa. La maggior crescita e’ stata per i prodotti che non contengono più composti organici volatili, soluzioni naturali per pavimenti, isolamenti di materiali naturali e cosi via”, ha detto Borncamp.
Secondo il rappresentante della RoGBC, nella Romania esiste un enorme potenziale per imprenditori e le aziende esistenti, con l’introduzione dei materiali esistenti sul mercato.
“Un’altra modalità e’ di ottenere la licenza per alcuni prodotti e poi fabbricarli al livello locale, in modo da creare una sceneggiatura win-win per entrambe le aziende e per il mercato locale (dal punto di vista economico vengono creati posti di lavoro nuovi ed i costi di trasporto sono più bassi), ha aggiunto Steven Borncamp.
Al presente ci sono fabbriche che provano ad attirare l’attenzione su questo mercato di nicchia. Una di esse e’ la fabbrica di termo isolanti cellulosici Fibratus di Piatra Neamt. Si tratta di una joint venture romeno - finlandese che ottiene la materia prima riciclando alcuni tipi di carta, risultando un prodotto ecologico con proprietà ignifughe, antifoniche e non dannose.
Il prodotto finale può essere utilizzato sia come isolante termo-fonico, sia come struttura asfaltica. La fabbricazione di isolanti cellulosici Fibratus Eco Wool viene realizzata sotto licenza Fibratus Ltd Finlandia, che detiene il 51% delle azioni FEW (Fibratus Eco Wool) S.A.
“Ci sono molte fabbriche in Romania che producono poliestere, lana minerale o lana di vetro, prodotti impiegati al termo isolamento che contribuisce all’aumento dell’efficienza energetica, proprietà importante del concetto di “green”, però, da un’altra parte, ci auguriamo anche di produrre materiali sostenibili che impiegano poca energia per essere prodotti, sono facilmente riciclabili e provengono da fonti autorizzate” ha commentato Bogdan Draganescu, rappresentante della Smart&Pepper Consulting.
L’aumento del 45% del business nel 2009 per la Naturalpaint
L’azienda Naturalpaint ha percepito anche dal 2006 il potenziale che il settore ha e sempre da quell’anno e’ entrata sul mercato.
“Abbiamo deciso iniziare il business dopo che uno dei miei colleghi e’ stato nella Germania ed ha osservato la tendenza di crescita della domanda per questo tipo di prodotti nei paesi dell’Europa occidentale. Dal 2006 si osserva un interesse aumentato significativamente”, ha dichiarato per Construtiv Lukacs Lehel-Elek, il direttore commerciale della compagnia di distribuzione delle vernici naturali.

Attualmente l’azienda importa materiali ecologici di costruzione dalla Germania, da aziende con tradizione nel settore. “Oltre il fatto che sono materiali ecologici, e’ molto importante che ci siano di qualità premium. Il fatto che importiamo direttamente dalle fabbriche tedesche ci assicura anche la qualità”, ha aggiunto Lukacs Elek. I prodotti (vernici interni, piastre di fibra di legno, materiali isolanti, lacca per legno esterno) si vendono soprattutto a clienti privati e le cifre dimostrano l’aumento di anno in anno. Le vendite nel 2009 sono aumentate con circa il 45% rispetto al 2008. “Dalla fondazione, abbiamo aumenti ogni anno. Però dobbiamo sottolineare che il mercato in cui svolgiamo la nostra attività e’ e rimarrà una nicchia. Però e’ una nicchia in crescita”, ha sottolineato Elek soddisfatto del fatto che anche nel 2010, malgrado le condizioni sfavorevoli del mercato ed i prezzi dei suoi prodotti sempre più alti - con il 20 – 100 % (a seconda del prodotto), l’azienda registra una crescita delle vendite. Quest’anno siamo riusciti ad ottenere anche alcuni ordini per lavori civili. Grazie a questi ordini il nostro fatturato ha registrato di nuovo una crescita. Per il prossimo anno abbiamo progetti più importanti. Vogliamo concludere un partenariato a livello nazionale per la distribuzione dei nostri prodotti. Noi cercheremo di farci più visibili” con campioni, dimostrazioni pratiche, ma anche con un portfolio di lavori completati”, ha raccontato il direttore commerciale sul futuro dell’azienda che rappresenta. Nel 2009 la Naturlplan ha commercializzato diversi tipi di vernici per legno esterno, vernici per interni a base di calce pasta ed anche termo isolanti di lana di pecora o canapa.
IMP vuole importare e poi produrre i biomateriali
La società IMP Romania e’ presenta nella Romania dal 1994 nel settore di non tessuti (ovatta di poliestere riciclata da PET) e fa parte del gruppo Euroholding Group, gruppo che nel 2002 ha rilevato anche la NETEX, produttrice di materiali agugliati da scarti tessili riciclati e da fibre vergini. “Siamo entrati sul mercato romeno perche si intravedevano ottime prospettive di sviluppo nel settore tessile. Ed perche il nostro gruppo, per quanto riguarda la parte dalla Romania, e’ molto attivo nel settore delle costruzioni, ci e’ venuta l’idea, quasi spontaneamente, di rivolgerci anche ai prodotti destinati particolarmente a questo settore, come ad esempio i geotessili, che distribuiamo nella Romania già da qualche anno. Nel tempo siamo diventati sempre più interessati agli eco materiali per il settore delle costruzioni grazie al fatto che una parte di questi materiali produciamo già per altri settori industriali o sono commercializzati da altre società del nostro gruppo in altri paesi dell’Europa Occidentale. Avendo già la tecnologia nel gruppo e le conoscenze, siamo, ovviamente, interessati a realizzare nuovi prodotti (oppure riqualificare quelli che abbiamo già) per settori dove consideriamo che nei prossimi anni ci possono essere grandi richieste, e questo, a nostro parere, e proprio il caso di eco o bioarchitettura”, ha precisato per Constructiv, Norberto Violetta, il direttore commerciale dell’IMP Romania.
“Vorrei precisare che nel tempo, ci siamo specializzati a lavorare con tutti i tipi di fibre, sia quelle sintetiche che artificiali, sia con quelle naturali (lana, cotone, juta, mais, canapa, lino, ecc.), che sono sempre più richieste . Al momento, in Romania forniamo questi materiali per vari settori però non ancora per il settore delle costruzioni, anche se vediamo un’attenzione in aumento per le nuove soluzioni che possono permettere la realizzazione delle costruzioni più compatibili con l’ambiente e la salute degli abitanti”, ha aggiunto il direttore commerciale. Adesso l’azienda vuole iniziare la commercializzazione, nella Romania, di un prodotto isolante costituito da lastre di lana minerale compressa, che altre aziende del gruppo la stanno commercializzando già da qualche anno nell’Europa Occidentale come alternativa alla lana minerale o lana di vetro. Il prodotto e’ realizzato con poliestere, ottenuto da scarti di PET e lavorato a basse temperature (tra 85 e 220 gradi Celsius) e senza sostanze chimiche aggiuntive. Le fibre

ottenute hanno un alto grado di elasticità, maggiore al 60% ciò che impedisce la rottura (come nel caso della lana di vetro) e la dispersione della fibra nell’ambiente. In caso di incendio, il prodotto non produce temperature alte (brucia a 600 C) e non rilascia dei gas. “Vogliamo effettuare un primo testo di commercializzazione dei prodotti realizzati nelle nostre fabbriche in Italia, perche queste hanno già tutte le certificazioni ed i test necessari. Nel caso in cui le prime vendite ottengano i risultati previsti, inizieremo la loro produzione anche nelle linee della nostra fabbrica di Timisoara, occupandoci dell’ottenimento dei certificati necessari. Se tutto va bene, vorremmo iniziare dal prossimo anno il lancio di nuovi prodotti eco per le costruzioni, nonché un filtro isolante termo-acustico sotto il pavimento realizzato con scarti tessili, eventualmente anche nella variante con fibra di juta: un isolante per spazi vuoti tra i muri, realizzato con fibra di lana o evidenziare le qualità termiche del pannello isolante termico ed acustico, a base di fibra di mais”, ha spiegato Norberto Violetta fiducioso nel futuro di questi prodotti.
L’intenzione esiste, però la direzione desidera agire man mano, analizzando ed osservando il feedback dei clienti.
“Finora, l’industria ha delegato soprattutto la chimica a cercare materiali performanti in materia di costi sempre più bassi, e la Romania non ha fatto eccezione da questa regola. Al contrario, proprio negli ultimi anni lo sviluppo nel settore delle costruzioni, in questo paese, ha portato a trovare le soluzione sempre più economiche, a prescindere dalla qualità, durata e livello di conforto degli edifici che erano realizzati in questa maniera. Tenendo conto della situazione attuale, consideriamo che possa essere un capovolgimento della tendenza, ovvero il consumatore diventa sempre più esigente. In genere, il mercato premia i costruttori che hanno costruito “a scala umana”, impiegando soluzioni adeguati e materiali di qualità e penalizza coloro che hanno seguito solo la logica di massimizzazione del profitto, ha concluso il rappresentante dell’IMP Romania. Secondo lui, il consumatore diventera’ più attento ed esigente, prima di tutto per quanto riguarda la qualità dei materiali e dei lavori, e darà più attenzione ad altri elementi come ad esempio l’efficienza termo-energetica.

Table './app_webeuroholding/users_hash' is marked as crashed and should be repaired
 
19/07/2011
  Anuntul de incheiere proiect Europroducts - Programul Operaţional Sectorial „Cresterea Competitivitatii Economice” co-finanţat prin Fondul European de Dezvoltare Regională „Investiţii... » citeste tot
04/05/2011
  IMP Romania – anunt informare publica pentru acord mediu - ANUNŢ  PUBLIC       S.C. I.M.P. ROMÂNIA INDUSTRIAL CO S.A., cu sediul social în Chisoda, str. Calea Sagului,... » citeste tot
30/12/2010
  SC EUROPREFABRICATE SRL a derulat pe o perioada de 6 luni, proiectul „un loc de muncă mai sigur pentru angajați mai -   Proiect cofinanţat din Fondul Social European prin Programul Operaţional... » citeste tot

» mai multe stiri
  ©2018 Euroholding Group. Login